Effetto Covid sui giovani: ora si cerca l’agenzia

23/10/2020
10:28
 

L’emergenza Covid-19 avvicinerà i Millennials alle agenzie. A dirlo è una ricerca condotta nel Regno Unito da Advantage Travel Partnership su un campione di 1.089 viaggiatori. L’indagine ha rilevato che il 62% delle persone di età compresa tra 25 e 34 anni non è solito prenotare tramite agenzie, ma di questi, il 44% si dice disposto a cambiare e a passare alla consulenza di un agente, per la competenza e le rassicurazioni che può garantire in tempi così incerti.

Pubblicità

Complessivamente, si legge su Travel Mole, il 38% degli intervistati ha affermato di prenotare ‘fai da te’. Ma il 36% di questi cambierà presto le proprie abitudini, affidandosi a un’agenzia.

Il valore della professionalità
Fondamentale la professionalità che il comparto della distribuzione ha saputo dimostrare durante le fasi iniziali dell’emergenza, quando le agenzie si sono trovate a far fronte a rimborsi e rimpatri, fornendo in alcuni casi assistenza anche ai viaggiatori dediti al ‘fai da te’. “Durante la pandemia – spiega Julia Lo Bue-Said, chief executive di The Advantage Travel Partnership -, gli agenti hanno dimostrato il loro valore e spesso sono stati il primo punto di riferimento per i viaggiatori quando le cose vanno male, garantendo un importantissimo apporto umano durante i periodi di incertezza”.

Gli over 65 restano comunque lo zoccolo duro della distribuzione. Il 77% continua, infatti, a preferire la consulenza di un agente in fase di prenotazione. Seguono poi, a sorpresa, i viaggiatori dai 18 ai 24 anni (76%).

"La fiducia dei viaggiatori è stata fortemente intaccata negli ultimi sei mesi dalla pandemia, ma è rassicurante vedere che i consumatori apprezzino i servizi forniti dagli agenti di viaggi e che si fiderebbero di loro per prenotare il loro viaggio in futuro, soprattutto tra i gruppi di età più giovane, che storicamente prenotano dinamicamente i propri viaggi”, ha concluso LoBue-Said.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook