Extra-ricettivo, l'allarme di Halldis: a Milano persi 60 milioni di euro

02/06/2020
12:12
 

Oltre 60 milioni di euro andati in fumo: è la stima del crollo del settore extra-ricettivo a Milano secondo Vincenzo Cella, a.d. di Halldis spa, del gruppo Windows of Europe. Nel capoluogo lombardo l'extra-ricettivo conta 170 imprese, 4.500 appartamenti e 20mila posti letto, per un giro d'affari annuo di quasi 100 milioni di euro. Cifre polverizzate dal Covid-19.

Pubblicità

Halldis nel 2019 aveva attivato grossi investimenti, tra cui la presa in gestione di 13 dei 30 piani della Torre Galfa, trasformata in un palazzo multifunzionale con hotel, ristorante stellato e palestra. "Siamo partiti a febbraio - racconta Cella -, poi si è bloccato tutto. Prima del Covid in piena estate avevamo un tasso di occupazione del 70 per cento, una cosa mai vista per Milano che generalmente in quel periodo è vuota. Il boom della città, con 11 milioni di turisti l'anno scorso, ha trainato tutta la Lombardia".

Eppure nessun segnale è arrivato dal governo, "che continua a ignorare un comparto che rappresenta oggi il 55 per cento dell'ospitalità a Milano". O. D.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook