Viaggi al supermercato:
la gdo sfida t.o. e agenzie

di Oriana Davini
11/09/2019
08:32
 

Aumentano i marchi della gdo che anche in Italia iniziano a vendere pacchetti di viaggi. Un percorso che inizia quasi sempre in sordina, con la creazione di un sito, la pubblicazione di un volantino e dichiarazioni d'intenti contenute. Ma quale sarà l'impatto sulla filiera tradizionale nei prossimi anni?

Pubblicità

Parola d'ordine aggregazione
Il settore della gdo in Italia sta vivendo una fase di profonda trasformazione, che a qualcuno potrebbe ricordare ciò che sta già accadendo tra le compagnie aeree e le adv. In una sola parola, aggregazione.

Un esempio? È notizia delle scorse settimane l'acquisizione di Auchan Retail da parte di Conad, che nel giro dei prossimi tre anni si rafforzerà nel Nord Italia. Considerato che Conad vende pacchetti di viaggio a marchio Gustour, grazie a un accordo con TatìTravel Tour Operator, si può ipotizzare che aumenterà la sua forza contrattuale o per lo meno il numero di viaggi venduti.

Lo stesso sta accadendo anche ad altre insegne. Un articolo di Repubblica A&F ha evidenziato come il gruppo veneto Pam (cui fanno capo anche i discount IN's) ha acquisito la ligure Arimondo e la catena torinese Borello. Selex, che opera nella Penisola con le insegne Famila, A&O e C+C (oltre i petstore Animali), nel 2019 inaugurerà 54 nuovi supermercati e ne ristrutturerà 120. MD spa si sta espandendo al Nord Italia, con un nuovo maxi polo logistico nel bergamasco. La situazione, insomma, è particolarmente vivace.

Un monito per la filiera
C'è qualcosa da temere per la filiera dei viaggi organizzati? I principali network di adv si erano già espressi in merito, ritenendo che i viaggi dei supermercati coprono target che già normalmente non si rivolge alle adv e solitamente ha budget ridotti. Eppure, il comparto farebbe bene a tenere le antenne ben dritte.

Due segnali a conferma di questa tesi: anche il colosso francese Carrefour la scorsa primavera ha annunciato la nascita di Carrefour Viaggi, segno che comunque la vendita di pacchetti di viaggio nel carrello è redditizia.

Ma sono soprattutto i dati relativi all'estate di Lidl Viaggi che dovrebbero far riflettere. Le partenze estive, spiega la responsabile comunicazione direzione generale per l'Italia, Alessia Bonifazi, "sono aumentate del 10 per cento rispetto al 2018 e lo scontrino medio ha segnato un più 5 per cento. A settembre abbiamo in previsione una crescita importante".

Qual è l'insegnamento da portare a casa? Lo dice la stessa Bonifazi: "Il fatto che anche altri operatori della gdo si siano aperti a questo business fa sì che il consumatore abbia maggiori possibilità di venire a contatto con questo nuovo canale di vendita. Crediamo che in termini di notorietà ci siano ancora ampi margini di crescita".


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook