Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

UberPop, Gnammo e BlaBlaCar: i pericoli (anche per il turismo) della sharing economy

23/12/2014
09:58
Leggi anche: Uber

Airbnb ha fatto da apripista, poi è arrivata Uber: entrambe fondate a San Francisco.

In Europa si sta facendo strada la francese BlaBlaCar e in Italia, visto che la cucina è il nostro forte, Gnammo. Tutte e quattro sono esempi di sharing economy: secondo Wired, “una forma di organizzazione socio-economica basata sull’accesso anziché sul possesso, sull’utilizzo anziché sull’acquisto”. Frutto della crisi (si risparmia), della globalizzazione (un business model fortunato funziona sia a San Francisco che a Napoli) e della pervasività del web (soprattutto con accesso da mobile).

Airbnb mette in contatto chi cerca un alloggio o una camera, per brevi periodi, con persone che dispongono di uno spazio da affittare, generalmente privati. Uber fornisce un servizio di trasporto automobilistico, assimilabile a quello di un taxi, attraverso un’app che mette in contatto passeggeri e autisti autorizzati; ma UberPop permette di contrattare passaggi auto tra privati. BlaBlaCar è un sistema di “social travel”, grazie al quale è possibile offrire un trasferimento in auto a qualcuno che fa lo stesso itinerario, per dividere i costi del viaggio (che peraltro vengono calcolati direttamente dal sistema, senza contrattazioni fra guidatore e passeggero). Se Uber e UberPop tendono a sostituire le corse cittadine dei taxi, BlaBlaCar è usata sulle lunghe distanze (la media è di 320 chilometri), quindi la concorrenza è ai mezzi di trasporto alternativi all’auto (aerei, treni, pullman).

Il social eating è una realtà consolidata a Londra e nelle metropoli USA. “Fino al 2010 ho vissuto a New York e ho scoperto questo tipo di cene, feste, speakeasy” racconta la titolare di nonsolofood.com “Da quando vivo a Milano ho aperto casa mia a single, coppie, gruppi di amici: sconosciuti che si ritrovano a fare colazione o a cena nella sala da pranzo di una sconosciuta, ma io faccio di tutto perché si sentano a proprio agio come a casa loro. Al termine della colazione o della cena, si lascia il contributo per la spesa, che ovviamente include anche il lavoro della cuoca nella preparazione”.

Poi è arrivata Gnammo, la prima piattaforma italiana dedicata al social eating, che “offre a tutti, appassionati di cucina e cuochi professionisti, la possibilità di organizzare pranzi, cene ed eventi a casa propria o in qualsiasi location. Non serve esse cuochi provetti, basta la voglia di mettersi in gioco e di conoscere persone nuove, sia come Gnammer (l'ospite) che come Cook (il cuoco)”. Gnammo incassa i pagamenti in nome e per conto del Cook, non trattiene commissioni (al momento) e il giorno dopo bonifica il dovuto al Cook. Per il servizio, Gnammo si affida alla buona volontà del Cook: “Gnammo in futuro certificherà i Cooks eccelsi, ma al momento ci aspettiamo che siano rispettate le normali norme igieniche che spero tu sia abituato ad osservare a casa tua, per te stesso”. Speriamo bene.

Insomma, con Airbnb si diventa affittacamere, con UberPop tassisti, con BlaBlaCar autisti, con Gnammo cuochi. Tutto senza licenze, tutto senza alcuna autorizzazione, tutto - non sempre, ma capita - con pagamenti in nero. Ma soprattutto, di un mestiere improvvisato si ottiene il lucro, cioè gli onori, e non gli oneri, tasse e licenze. Chi affiderebbe la propria salute a un veterinario?! Chi il progetto della propria casa a uno che disegna bene?! Chi il proprio viaggio di nozze all’amico smanettone?! Ops, questo succede già...

Leggi anche: Uber

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori