Whatsup

Roberto Gentile, editore, blogger, consulente, head-hunter

Perché è così difficile comprare un tour operator italiano (pur avendo i soldi)

25/02/2019
09:46
 

“Cerchiamo un t.o. medio da comprare sull’Italia” dichiara pubblicamente Michele Mazzini, direttore commerciale e sviluppo Italia di Kappa Viaggi, divisione nostrana del quarto tour operator francese. Suona un po’ come quando si visita una casa con un agente immobiliare e, appena entrati, si esclama: “Mi piace, la voglio!”: sicuro che il prezzo sale subito del 20%.

Prima di Kappa Viaggi, un altro operatore di grandi dimensioni, stavolta iberico, si è avvicinato al mercato italiano e ha preso il due di picche (Barcelò da Eden Viaggi). Perché è così difficile comprare un t.o. italiano, anche per chi ha i mezzi? Per tre semplici ragioni.

Primo, perché la roba buona è già andata via. Senza citare la solita Alpitutto e i suoi 12 (!) brand, con Valtur in mano a Nicolaus e altri marchi usciti dalla luce dei riflettori (Gastaldi, per citarne uno) in giro non é rimasto granché.

Secondo, perché certi t.o. sono invendibili. Quality Group è indissolubilmente legato a Michele Serra e Marco Peci, Veratour alla famiglia Pompili, Alidays a Davide Catania, Naar T.O. all'omonimo Frederic (e mi fermo qui). Come scrivevo tempo fa il tour operating italiano é in larga parte in mano all'imprenditore/fondatore, senza il quale l'azienda si svuota (vedi il caso Ventaglio e Bruno Colombo).

Terzo, perché tanti sono i marchi letteralmente spariti, dopo essere passati di mano: chi ricorda che Utat è proprietà di Caldana? E Caleidoscopio di Oltremare? E Comitours de i Grandi Viaggi? Per non parlare di chi tenta di far risuscitare un t.o. morto. Adesso tocca a Columbus. Aviatour, Visitando il Mondo e Five Viaggi sono ancora disponibili.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori