Regno Unito in recessione, la crisi peggiore

13/08/2020
09:23
Leggi anche: Londra

I dati del Governo britannico non lasciano spazio a dubbi: il Regno Unito è ufficialmente entrato in recessione anche a causa della pesante crisi in atto nei settori dell’ospitalità e dei servizi turistici che, in questo Paese più che in altri europei, hanno maggiormente subito le conseguenze di una pandemia combinata agli strascichi della lunga e sofferta vicenda Brexit.

Pubblicità

"La recessione causata dall'emergenza sanitaria tuttora in corso in tutto il mondo – spiega a TTG Media Jonathan Athow, deputy national statistician dell’Office for National Statistics - ha portato al più grande calo del Pil trimestrale mai registrato”.

I dati parlano di un crollo del Prodotto interno lordo del Paese pari al 20,4% nei tre mesi da aprile a giugno 2020 rispetto al trimestre precedente: la peggiore crisi dall’inizio delle rilevazioni dei dati, ossia dal 1955.
“Le nostre ultime stime - conclude Athow - indicano un’economia in calo del 17,2% rispetto a febbraio”.

Leggi anche: Londra

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook