Arrivano nuovi doveri
per agenti, Olta e t.o.
Le norme europee

11/05/2015
09:47
Leggi anche: Unione europea, e-commerce

Insieme alla nuova definizione di pacchetto turistico (che di fatto equipara agenzie di viaggi fisiche e distribuzione online), il Parlamento Europeo ha dato il via libera a una serie di diritti del consumatore che si riflettono in una nuova lista di doveri per gli organizzatori dei viaggi. Va ricordato che, proprio in base a quanto affermato dal parlamento Ue, in quest’ultima categoria rientrano non solo agenzie di viaggi e tour operator, ma anche le Olta che vendono servizi accessori attraverso processi ‘click-trough’.

Pubblicità

Il primo punto riguarda la cancellazione del viaggio: il cliente che acquista un pacchetto, infatti, ha diritto a rinunciare se il costo dello stesso dovesse aumentare di oltre l’8 per cento.

Inoltre, gli organizzatori di pacchetti dovranno fornire una protezione sull’insolvenza, ovvero un’assicurazione che consenta il rimborso totale e il rimpatrio nel caso in cui l’organizzatore stesso dovesse fallire.

Tra gli aspetti che potrebbero maggiormente incidere sul fronte economico, c’è quello relativo agli eventi imprevedibili come disastri naturali o attacchi terroristici. In questo caso, la normativa Ue prevede che (nel caso in cui il ritorno a casa sia impossibile) l’organizzatore provveda a pagare fino a 3 notti al viaggiatore. Da sottolineare che, come evidenzia la nota stampa, il Parlamento Europeo ha fortemente caldeggiato l’innalzamento a 5 notti; non si esclude dunque (riporta ancora la nota) che successive leggi a livello europeo prevedano un aumento del numero di pernottamenti a carico dell’organizzatore.

Sul fronte delle informazioni da fornire al cliente, il documento approvato afferma che l’organizzatore è tenuto a informare il cliente del fatto che l’acquisto in oggetto si riferisce a un pacchetto di viaggio e precisare i diritti conseguenti. Un dettaglio che incide poco sulle pratiche in uso presso agenzie e tour operator, ma che potrebbe modificare le abitudini degli operatori online.

Le informazioni dovranno includere il nome di almeno un soggetto responsabile del viaggio e un numero di emergenza. Inoltre, il testo vincola a fornire al cliente un’indicazione approssimativa degli orari di partenza e arrivo e le indicazioni di ogni possibile costo extra.

Inoltre, i passeggeri dovranno avere la possibilità di cancellare il pacchetto prima della partenza o di trasferirlo a un’altra persona.

Leggi anche: Unione europea, e-commerce

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook