L'evoluzione del tour operating
passa dal dynamic packaging

19/02/2020
08:35
 

Da un lato i grossi gruppi a integrazione verticale, dall'altra operatori più piccoli ma fortemente specializzati sulle nicchie: nel mezzo il dynamick packaging, sempre più ampio ma meno generalista. Semplificando, è questa l'evoluzione che sta interessando il comparto del tour operating italiano.

Pubblicità

Il prodotto dinamico è il core business di Jump, t.o. di casa Settemari: "Prima eravamo conosciuti come l'ennesima bed bank - spiega il d.g. Leonardo Rosatelli -, oggi siamo un t.o. che lavora sulla profilazione. Ci siamo ispirati al modello di Amazon: da noi le agenzie trovano tantissimi prodotti e servizi che vanno al di là del solo volo e hotel".

Alla base di tutto c'è l'affidabilità del brand: "Lavoriamo solo con bed bank che hanno rapporti diretti con le catene, mettendo in seconda linea il pricing".

Una questione di scelte
La selezione è un valore che contraddistingue anche Volonline: "Siamo un t.o. da dynamick packaging ma diverso dagli altri - assicura il ceo, Luigi Deli -: dietro c'è più selezione grazie a product manager che filtrano il prodotto per il cliente finale. Abbiamo ampliato moltissimo questo processo per dare alle agenzie gli stessi strumenti che ha il cliente nel momento in cui disintermedia il pacchetto". Il valore medio a pratica? "Intorno ai 7mila euro".

La scommessa per eMinds, spiega il fondatore Roberto Di Leo, "è stata focalizzarci sulla nicchia del lungo raggio, consapevoli che non avendo unicità di prodotto l'unica strategia è innovare a livello di servizi. Per questo abbiamo raddoppiato il numero di programmatori e stiamo lavorando a una nuova piattaforma che riesca a integrare soluzioni diverse che oggi non si parlano tra loro".

Sempre integrazione, ma di tutt'altro tipo, è la parola chiave del Gruppo Alpitour. “Per i grandi t.o. – commenta Pier Ezhaya, direttore tour operating – è difficile guadagnare sulla pura intermediazione,la redditività si trova lavorando in verticale: avere una compagnia aerea e una catena alberghiera ci permette di avvantaggiarci a livello economico".

Oriana Davini


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook