Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

WTM di Londra, ovvero il mondo (non solo del turismo) in vetrina mondiale

13/11/2019
12:32
Leggi anche: wtm

Andare all’estero e visitare una fiera di settore fa sempre bene, per tre motivi: per uscire dall’asfittico panorama domestico (oggi segnato dalle polemiche generate dal nuovo contratto Alpitour) ; per capire dove va il mondo (non solo del turismo); perché le manifestazioni alle quali valga la pena andare sono poche: WTM a Londra, ITB a Berlino, Fitur a Madrid, TTG Travel Experience a Rimini, IPW negli USA e qualcuna in Cina.

A spasso per gli accoglienti padiglioni di ExCel, nei sobborghi di Londra, s’imparano essenzialmente tre cose.

1- Comanda la destinazione, il resto fa da contorno - Ovviamente il mondo è presente in toto, dalla Nuova Zelanda all’Alaska, ogni padiglione è un continente. Pensavo di trovare TUI, non c’era. Pensavo di trovare British Airways, Lufthansa o KLM, non c’erano (Turkish Airlines e le compagnie arabe invece sì). Pensavo di trovare gli enti del turismo francese, olandese o tedesco, non c’erano (l’ENIT invece sì). Ne consegue che al WTM si va a cercare prodotto, direttamente da chi lo genera e senza intermediari.

2 - Il digitale cresce, il mobile domina, l’analogico arranca - Nulla di nuovo, i cataloghi spariscono (altro che i trolley carichi di una volta…) e l’online cresce ancora e ancora. La novità dell’anno è il sorpasso del mobile non solo rispetto alle vendite offline, ma anche rispetto a quelle on line: se le vendite tradizionali rappresentano ancora oltre il 50% del venduto globale, nei prossimi 5 anni il tasso annuo (annuo!) di crescita delle transazioni su device mobili (smartphone e tablet) sarà del 12% (lo dice Euromonitor). Chi investiva in siti convenga si converta alle app.

3 - La Cina è vicina (e l’Europa e gli USA si allontanano) - Brexit, recessione tedesca e protezionismo trumpiano minano le basi dell’outgoing dal Vecchio e dal Nuovo Continente. In compenso, l’Asia continua a crescere senza sosta ed entro il 2024 sono attesi 500 milioni di arrivi. È come se due terzi della popolazione europea si spostasse in Africa o in America. Sono numeri folli, dei quali – soprattutto in Italia – non abbiamo alcuna percezione. Chi da noi si occupa di incoming e ha fatto affari con americani o tedeschi, si riconverta all’Oriente. Anche perché il prodotto che un cinese o un malese si aspetta di trovare da noi non è quello che abbiamo finora messo sul mercato. Qualcuno lo sa?

Leggi anche: wtm

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori