Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Gattinoni entra e Isoardi esce. E ora cosa succede?

20/05/2013
17:35
Leggi anche: Network, G40, Gattinoni MdV

Guglielmo Isoardi esce da G40, cedendo le sue quote al network di Franco Gattinoni. È una non-notizia, perché era scritto da tempo che andasse a finire così, ma oggi è ufficiale. Tre le conseguenze immediate che impattano sul mercato e sulle agenzie di viaggi.

Il progetto di super network lanciato da Isoardi nel 2007 viene fortemente ridimensionato. È improbabile che le reti ancora partecipate (Fespit e Marsupio) da Exito, la holding di partecipazioni dell’imprenditore cuneese, servano da base di rilancio dell’iniziativa, che nel frattempo ha perso per strada anche - sebbene in cambio di copiose plus valenze per l’azionista - Bravo Net, HP Vacanze e Network Italia.

Gattinoni Travel Network fa un bel passo in avanti, nell’arena delle macro-aggregazioni: con oltre 650 agenzie, il polo Gtn/G40 Mondo di Vacanze si colloca al terzo posto per numero di agenzie aggregate. Ancora lontano dalle oltre 2.600 di Bravo Net/Hp Vacanze / Welcome Travel (tutte partecipate in maggioranza da Costa Crociere/Alpitour) e dalle 1.200 di Uvet Itn, ma ben davanti a Open Travel Network, Bluvacanze, Marsupio e Robintur.

Il modello di rete promosso dal presidente AINeT è molto incisivo e prevede un forte coinvolgimento delle agenzie (anche non di proprietà) nella canalizzazione delle vendite: siccome in tempi di integrazione verticale (Alpitour/Costa da un lato, Msc dall’altro) a comandare sono gli azionisti, sarà interessante vedere quale ruolo giocheranno le reti Gtn/ G40 nel rilancio di Hotelplan Italia (azionista di Gtn e guidata da Luca Battifora, ex a.d. G40).

L’ultima conseguenza impatta da vicino le agenzie. Oggi le 7 macro-aggregazioni citate raccolgono circa 6.400 agenzie, ovvero due terzi dei punti vendita che in Italia vendono leisure (non più di 9.500, secondo il sottoscritto). Delle due, l’una. O un’agenzia è talmente forte che può permettersi di stare (o non stare) dentro a una rete, tanto il suo potere contrattuale è intoccabile. Ne cito solo due, che tutti conoscono, vere e proprie macchine da guerra: Ormas Viaggi di Barletta e Conca D’Oro Viaggi di Palermo. Per tutte le altre (9.500 - 6.400 - 2 = 3.098), la prospettiva è la seguente: se vogliono pervicacemente restare indipendenti è bene prendano in considerazione l’ipotesi che - nel medio-lungo termine - certi prodotti non li potranno più vendere. Prodotti “pesanti”, intendo, quelli che il cliente chiede e che fanno stare in piedi i conti, anche in periodi di crisi come questo.

Leggi anche: Network, G40, Gattinoni MdV

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori