Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Sei un agente, stai vendendo? Allora lascia perdere (pure) Twitter

16/07/2013
11:23

La febbre dei social imperversa. Non solo i classici Facebook e Twitter, YouTube e Google +, ma anche Myspace, Friendster, Bebo, Orkut, Skyblog, Netlog e altre amenità del genere.

La mia sensazione è che di business ce ne sia ben poco e tanti colleghi abbiano tempo da perdere ad aggiornarli tutti, postando twittando e insomma smanettando da mane a sera. Perché l’alibi c’è sempre “Vabbè, passo la giornata su Facebook, però ho postato un’offerta sull’Egitto e ho ricevuto 2 I like!”.

L’ho già scritto qualche mese fa e lo ripeto: a me non risulta che qualcuno sia MAI riuscito a fare numeri seri (seri, intendo, non qualche pratica capitata per caso) lavorando su Facebook o Twitter, piuttosto che prendere il valigino e andarsi a cercare clienti fuori dall’agenzia.

Oggi parliamo di Twitter, citando due personaggi pubblici di grande rilievo: Roberto Saviano (456.124 follower) e Lady Gaga (39.141.972 follower). Saviano critica l’ondata di offese e insolenze pubbliche che ha colpito il social da 140 caratteri: “Twitter nasce per comunicare: è una piattaforma che mette in connessione chiunque con chiunque. Tutto è aperto. Puoi seguire chi vuoi, puoi leggere cosa scrive Obama, Lady Gaga o il tuo collega, quello che ha la scrivania di fronte alla tua. Ma può anche accadere che in una piazza affollata, se si è a corto di contenuti o manca la capacità di sintesi si urla per essere ascoltati. Quando il pensiero si semplifica e si riduce al grado zero, a volte c'è posto solo per l'espressione radicale o la battuta estrema. La serietà è banale, il ragionare scontato. Dunque ecco l'insulto”.

Lady Gaga, invece, dopo essere diventata la star più seguita del web (40 milioni di follower, Obama ne ha solo 35 milioni...) è semplicemente sparita da Twitter, chiudendo temporaneamente l’account e lasciando i suoi fan in trepida attesa del nuovo disco (e quindi della probabile resurrezione del defunto account).

Conclusione, rimanete pure follower di Emma (409.952 follower) o di Mario Balotelli (1.063.479), di Valentino Rossi (2.077.950) o di Homer Simpson (1.203.401), ma non provate a convincerci che state lavorando.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori