Whatsup

Roberto Gentile, editore, blogger, consulente, head-hunter

Sei un imprenditore e assumi un manager? Ecco 5 regole per farlo lavorare bene

21/02/2018
16:13
Leggi anche: Lavoro

Nell’industria turistica italiana, e non solo, gran parte delle imprese è a carattere familiare: le poche eccezioni (Alpitour, la nuova Air Italy, Aeroporti di Roma, per fare qualche esempio con la “a”) confermano la regola, rappresentata da Eden Viaggi e Uvet, Nicolaus e Gattinoni. Aziende dove imprenditore e fondatore sono la stessa persona, nelle quali la scelta del manager di prima linea è complessa e fonte di gran mal di testa (per chi assume e per chi è assunto).

Allora, propongo una simulazione: mettiamo che il manager (da un direttore vendite a un CEO) sia stato scelto e oggi sia il suo primo giorno di lavoro. Che cosa deve fare l’azienda per permettergli di lavorare bene (ovvero far fruttare al meglio i soldi che costa)? 5 regole di buon senso:

1) trattarlo come un ospite di riguardo: l’azienda è come la propria casa al mare, rispecchia i gusti e le passioni del proprietario, quindi assumere un manager è come accogliere un nuovo ospite, aprendogli le porte del salotto (il commerciale), della cucina (il prodotto) e pure del frigorifero (i conti); con un sorriso, mettendolo a proprio agio e facendolo accomodare nella camera di riguardo, quella con vista sul mare (il futuro);

2) dargli tempo: i peggiori inserimenti cui abbia mai assistito sono quelli nei quali il nuovo arrivato sostituisce un collega dimissionario (magari per contrasti con la proprietà) o un manager che ha fallito (magari facendo perdere soldi all’impresa); le aspettative sono altissime, il business non dà tregua e il nuovo assunto viene investito del ruolo di “salvatore della patria”, con aspettative quanto meno eccessive; quando leggo di piani industriali con crescita del fatturato a due cifre e/o rientro dal debito, in un anno, rabbrividisco;

3) trattarlo da uomo, se è uomo, e da donna, se è donna: detto così suona banale, ma in un settore dove la componente femminile è predominante alla base e deficitaria al vertice, avere un capo donna - per un uomo - è cosa rara; a me, in trent’anni di carriera, è capitato solo una volta. Un imprenditore assume un dirigente in base ai problemi che si aspetta vengano risolti, che verranno affrontati in modo diverso da un uomo o da una donna, a prescindere dall’identico standing professionale. L’errore peggiore è attendere performance “maschili” da una donna, e viceversa: tanto per fare un esempio, decisionismo e autorità dalla prima, sensibilità ed empatia dal secondo;   

4) proteggerlo, soprattutto dalle minacce interne: ho assistito a commenti tipo “Aspetta, aspetta, non sai quello che trovi...”, sussurrati a mezza bocca da parte di dipendenti astiosi, mentre l’imprenditore tutto contento accompagna il nuovo manager in giro per l’azienda. Ho visto manager seri e preparati distrutti da una chiacchiera o da una maldicenza... L’impresa è un corpo vivo, che prova sentimenti e coinvolge emotivamente, quindi l’imprenditore deve prima preparare il manager al clima che troverà, poi metterlo al riparo, finché non sarà in grado di farlo da solo (e non è detto che ci voglia poco);

5) pensare alla sua, di carriera: i manager bravi hanno mercato e - come gli sportivi di alto livello - possono aspirare a una carriera che dura una ventina d’anni, non di più, perché poi arrivano quelli più giovani (che costano meno e sono più avanti tecnologicamente); inoltre, è ormai raro che un dirigente trascorra in azienda più di qualche anno, chi supera i dieci è già un’eccezione. L’imprenditore deve capire che fare impresa e dirigerla hanno obiettivi e modi diversi, deve fare in modo che il nuovo assunto cresca professionalmente e deve accettare il fatto che non stia lì per sempre. Se mi si concede il paragone, imprenditore e manager sono come padre e figlio: crescono insieme, stanno bene, ma prima o poi accade che le strade si separino. È la vita.

Leggi anche: Lavoro

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori