Whatsup

Roberto Gentile, editore, blogger, consulente, head-hunter

“In Italia bisogna allungare la stagionalità!”: i 4 perché di un falso mito

06/11/2018
14:52
 

Quante volte abbiamo ascoltato questo appello, seduti in platea durante un evento dedicato al turismo nel Bel Paese? Quante volte il politico a caccia di voti, l’esperto tuttologo, il carneade di turno se ne esce con questa frase e, avendo scoperto l’acqua calda, attende speranzoso l’applauso degli astanti?

Siamo a novembre e la stagione Mare Italia del turismo organizzato è finita da almeno un mese, se non da due. In Sardegna il 10 settembre non c’era più nessuno, qualche villaggio in Sicilia è riuscito a tenere aperto fino ai primi di ottobre. Fa eccezione il recentemente inaugurato Club Med di Cefalù, che allunga la stagione sino a gennaio 2019 proponendo weekend o soggiorni brevi, oltre ai classici 7 giorni. Però una coppia, dal 10 al 17 novembre, spende € 2.916 (transfer da Catania incluso, ma volo escluso): certo non una cifra alla portata di molti.

In compenso, gli stranieri amano l’Italia e per il ponte di Ognissanti hanno riempito le città d’arte, mentre al mare ci sono andati in pochi. Quindi non deve stupire che al Catalonya Mayorica, 4 stelle vicino al porto di Palma de Mallorca (€ 493 a settimana, a coppia) ci siano state “52 prenotazioni nelle ultime 24 ore”, a fidarsi di Booking.com.

In Italia la stagione non si allungherà mai, ecco quattro motivi alla data di oggi 6 novembre 2018:

1. Tenere aperto un hotel costa troppo - Glisso sull’impossibile confronto tra i costi del personale in Italia rispetto all’estero (non solo in Egitto, anche in Spagna o in Grecia) e mi limito a notare che, se un albergatore coraggioso volesse tenere aperto a ottobre, solo per coprire i costi - personale e materie prime, bollette e consumi, tasse e gabelle - dovrebbe uscire con delle tariffe che non sono quelle del Club Med Cefalù, ma neanche lontanamente del Catalonya Maiorica (che di camere, non a caso, ne ha 168).

2. Il mondo intorno si ferma - Chi è stato al TTG Travel Experience del mese scorso sa cosa sia la riviera romagnola fuori stagione: Cesenatico e Bellaria, Igea Marina e Milano Marittima sono fondali di un film post-atomico. Finita la stagione non chiudono solo gli hotel, chiude tutto: edicole e farmacie, ristoranti e discoteche, bici a noleggio e bar sulla spiaggia. Ovviamente spariscono anche i trasporti: FlixBus da Milano a Rimini ci passa solo perché è sulla tratta adriatica, e trasporta studenti. Sapete quanti voli atterrano domani all’aeroporto internazionale di Rimini? Due, entrambi da Mosca. I russi non ci tradiscono mai.

3. Gli italiani vanno in vacanza ad agosto - Gli unici italiani che vanno in vacanza in autunno sono... gli albergatori che hanno finito la stagione. E che certo non vanno a Taormina o a Ischia, ma a Cuba o in Thailandia. Perché non c’è nulla di più sacro, per l’italiano medio, della vacanza agostana, a costo di farsi una giornata di coda sull’Autostrada del Sole, ingozzarsi con un Camogli all’Autogrill e pagare una camera con vista condominio, alla Pensione Marisa, quanto una settimana a Sharm. Ogni tanto qualche Ministro del Turismo se ne esce con la favola dell’apertura anticipata o ritardata delle scuole, “per aiutare il nostro turismo”. Il neo ministro Centinaio, che è del settore, s’è guardato bene dal farlo.

4. Gli albergatori italiani si godono la pacchia (finché c’è) - L’ho già scritto e lo ripeto: finche i numeri sono quelli del triennio d’oro 2016-2018, nessun albergatore della Costa Smeralda scenderà sotto i 7 o 800 euro a camera in alta stagione. Camperà coi soldi fatti in quelle 6 (sei!) settimane, guardandosi bene dal tenere aperto a maggio o a ottobre. Giusto, meglio godersi la pacchia. Finché c’è.

P.S. Grazie a Bruno Colombo, imprenditore geniale e magari controverso, per avere ispirato questo post.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori