“Torino ha ancora
molto da raccontare”
Intervista al sindaco
Piero Fassino

di Cristina Peroglio
16/02/2016
09:10
Leggi anche: Torino

“La volata è iniziata nel 2004: in quell’anno a Torino sono arrivati un milione di turisti. Oggi sono orgoglioso di ricordare che in 6 milioni hanno scelto la città come meta del loro viaggio”.

Pubblicità

Così inizia l’intervista che Piero Fassino, sindaco di Torino, ha concesso a TTG Italia per raccontare ai professionisti del turismo come una città industriale come il capoluogo piemontese è riuscita a cambiare pelle e a trasformarsi nella meta più richiesta d’Italia nelle vacanze di Natale 2015.

Se la città sta celebrando in questi giorni i 10 anni dalle Olimpiadi del 2006, data che è stata spesso identificata come l’inizio della nuova vita e della nuova immagine di Torino, Fassino data a ben prima il cambiamento. Almeno, nella sua fase progettuale.

“Torino è stata per anni una factory town – dice nell’intervista disponibile in versione integrale sul giornale online -. Poi c’è stata la grande crisi degli anni ‘80, e la città ha scelto di cambiare, reinventandosi: un profilo diverso, con più vocazioni, ha diversificato gli investimenti, ha puntato su ricerca, università, cultura, innovazione. L’Amministrazione ha investito sul futuro e i cittadini hanno compreso, accompagnato, sostenuto”.

E per il futuro, “non possiamo, né vogliamo fermaci” dice il sindaco con forza.

L’intera intervista è pubblicata su TTG n°6 in distribuzione e online.

Leggi anche: Torino

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook