Cala la spesa per le vacanze:
la prova più difficile del turismo

20/08/2019
08:35
 

È un fenomeno che, se confermato, potrebbe mettere a dura prova gran parte della filiera turistica, dalle compagnie aeree fino alle agenzie di viaggi. Gli italiani spendono sempre di meno per viaggiare: e se da un lato reggono bene sia il business del lusso che i viaggi low cost, a perdere quota è proprio la fascia di mezzo, quella che garantisce un buon compromesso tra volumi e margini.

Pubblicità

Le notizie di un calo delle presenze stanno arrivando un po’ da tutte le spiagge italiane, con operatori che parlano di cifre al ribasso dal Veneto alla Versilia, fino alla Sardegna.

A mancare, afferma il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca (nella foto) a corriere.it sono soprattutto inglesi e tedeschi.

Una questione di target
Le cifre parlano chiaro: la durata media dei soggiorni resta invariata, 10 notti. A calare è la spesa complessiva e non di poco: gli italiani hanno sborsato il 9,5% in meno tra viaggio, alloggio e ristoranti.

Buone notizie arrivano dalle località più rinomate e costose, sottolinea ancora Bocca. E anche i viaggi a basso costo mantengono l’appeal. “Quello più penalizzato è il turista di mezzo - conclude il presidente - che rinuncia a partire”.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook