Il lungo silenzio
di Lufthansa

di Lino Vuotto
09/04/2021
08:33
 

Era l’inizio di marzo e il ceo di Lufthansa Group Carsten Spohr convocava la stampa internazionale per una tradizionale call: diversi argomenti trattati, l’analisi del mercato, le prospettive per il futuro, anche un immancabile riferimento ad Alitalia con la porta sempre aperta per un accordo commerciale.

Pubblicità

Poi un lungo silenzio, intervallato solamente dall’ufficializzazione di Eurowings Discovery, che prosegue tuttora. In queste ultime settimane scandite dagli annunci sulla programmazione estiva, dall’ingresso sul mercato di nuove realtà pronte a cogliere l’occasione di un mercato in ripresa e dal mondo low cost che continua a mostrare i muscoli in attesa di una domanda forte, il colosso tedesco è rimasto dietro l’angolo.

Dietro le quinte
Finora non ci sono stati accenni all’estate, a parte qualche ripresa di rotta da parte delle controllate Austrian e Swiss. Per il resto normale amministrazione e un lavoro dietro le quinte in attesa che la situazione si sblocchi in Germania e ci siano maggiori certezze sulla ripartenza. Si mormora che uno dei fronti in cui ci sia un particolare fermento sia proprio quello di Alitalia e che Lufthansa sia pronta a piazzare la zampata vincente al fotofinish con una replica di quanto visto anni fa con Swiss. Ma anche su questo da Francoforte assoluto silenzio.

Ma nessuna dubita che nel momento in cui tornerà a farsi sentire ci saranno parecchi argomenti di cui parlare.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook