Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Per fare turismo ci vogliono i soldi (e tanti). E ce li hanno in (molto) pochi.

17/06/2019
14:48
 

Venezia Lido, riqualificazione dell’ex Ospedale a mare: entro il 2023, un albergo gestito da TH Resorts e un resort di livello internazionale gestito da Club Med, per un totale di 525 camere. Investimento di 132 milioni di euro, di cui 9 per oneri di urbanizzazione, interamente sostenuto da Cdp Cassa depositi e prestiti, già proprietaria dell’area dal 2013. Ricadute economiche sul territorio: 77 milioni di euro; giro d’affari previsto, con TH e Club Med a regime: 14 milioni all’anno; 500 nuovi posti di lavoro. Questi i numeri snocciolati da Fabrizio Palermo, a.d. di Cdp, alla presentazione on site del 14 giugno.

132 milioni di euro e un ritorno sull’investimento che si misura in decenni, non in anni. Chi può permettersi cifre del genere, se non Cdp? Perché per fare turismo ci vogliono tanti soldi e la Cassa depositi e prestiti, che gestisce il risparmio postale italiano dal 1875 (!), ne ha. Nel turismo ha già investito: il 46% del capitale di TH Resort, il 23% di Rocco Forte Hotels e gli investimenti immobiliari (tra gli altri, i villaggi ex Valtur e il Blu Salento Village) con il fondo FIT Fondo Investimenti per il Turismo. Sempre a botte (mi si perdoni il termine, ma rende l’idea) di decine di milioni. Decine.

Croceristi a parte (sulle proprie navi Costa Crociere e MSC investono miliardi, non milioni), solo un altro attore in Italia ha messo tanti soldi nel turismo: la TIP di Giovanni Tamburi in Alpitour, proprio un anno fa. Ma mentre Tamburi ha come obiettivo la Borsa, Cdp “opera a sostegno della crescita del settore turistico”, come recita l’home page istituzionale. Facciamo che Graziano Debellini, presidente e fondatore di TH Resorts, si è scelto con cura il partner cui cedere metà della propria società?


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori