Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Prove di resilienza al coronavirus (e qualche consiglio di buon senso)

03/03/2020
10:49
 

È questa la più grande emergenza medica (e mediatica) del secolo, c’è poco da fare. In più, colpisce con particolare violenza il nostro settore, che vive di mobilità e frontiere aperte. Però, siccome siamo per natura resilienti (cioè “capaci di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici”), vediamo cosa possono fare alcuni attori della filiera, per uscire da questa crisi.

“Senza dover sminuire la situazione attuale e senza dover parlare da esperti virologi quali non siamo, il nostro consiglio è continuare a vivere normalmente e programmare le cose belle che ci danno la spinta e un motivo per lavorare ... per esempio le nostre vacanze!” scrive saggiamente su Facebook l’agenzia Promesse Viaggi in provincia di Roma. Compito delle agenzie di viaggi è garantire assistenza, disponibilità e conoscenze tecniche ai propri clienti, che prima o poi torneranno a viaggiare, e faranno meglio a fidarsi di professionisti, che di chat e forum sulla rete.

Diversi Paesi hanno sospeso o limitato i collegamenti con l’Italia, quindi per un po’ non arriveranno israeliani o turchi da noi, né manderemo italiani a Gerusalemme o a Istanbul. Anche andare e venire dagli Usa diventa più difficile. Ai tour operator non resta che cancellare le destinazioni non più vendibili, congelare i contratti con fornitori e partner, concentrarsi su quei prodotti (il Mediterraneo, ad esempio) dove si stima di poter continuare a viaggiare. Con qualche rimpianto, ma inevitabile, come dichiara Danilo Curzi di Idee per Viaggiare.

Innegabile è l’emergenza di chi si occupa di incoming, perché la perdita di intere programmazioni da Cina o da alcuni Paesi europei è un danno non da poco. Siccome le vacanze estive di molti italiani saranno in Italia, anziché all’estero, converrà che chi fa incoming sposti il proprio target da internazionale a domestico. Quando l’emergenza sarà rientrata, avremo tutti voglia di andare in vacanza, più di prima, e apprezzeremo come non mai il Bel Paese: si attivi per tempo, quindi, chi accoglie ospiti sulle Dolomiti o in Costiera amalfitana.

A chi gestisce villaggi turistici o crociere si pone infine la sfida più interessante: quale luogo di aggregazione è più sicuro, una volta “messo in sicurezza”, di un resort o di una nave?! Le catene alberghiere e le compagnie di crociere dovrebbero mettere la parola “sicurezza” in tutte le proprie promozioni, d’ora in poi: ambienti igienicamente perfetti, alimenti perfettamente tracciati, equipe mediche di prim’ordine a disposizione in loco/a bordo. E magari portare a esempio di affidabilità e dedizione alla causa quello che pare essere l’unico eroe italiano, medici a parte, di questa epidemia: il comandante italiano Gennaro Arma, sbarcato per ultimo dalla Diamond Princess.

Eravamo rimasti al pavido Schettino, ci ritroviamo con l’eroico Arma: almeno una cosa buona, ‘sto virus, ce l’ha portata.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori