Whatsup

Roberto Gentile, editore, blogger, consulente, head-hunter

Nel tour operating italiano, il pesce grande mangia sempre il pesce piccolo (con tre previsioni)

02/08/2018
14:27
 

E così anche lo storico tour operator riminese Condor è finito in pancia a Uvet: 15 milioni di fatturato sono una goccia nel mare del consolidato del Gruppo saldamente guidato da Luca Patanè, ma fanno un centinaio, se sommati a quelli di Settemari, portato a casa un anno e mezzo fa. Nel mentre, Alpitour mette definitivamente in portafoglio Eden e tutti gli annessi e connessi, col benestare dell’Antitrust. E Nicolaus fa suo il brand Valtur, dopo accesa e costosa tenzone.

Anche nel turismo, ça va sans dire, il pesce grosso mangia sempre il pesce piccolo. Anche se, dei tre casi citati, Nicolaus non è ancora un pesce tanto grosso, e Valtur, più che un pesce piccolo, era quasi morto. Comunque, meglio essere mangiati (come il Pac-Man di Franco Gattinoni aveva magistralmente illustrato) che finire male. Balkan Express o InViaggi, tanto per citarne due, non ce l’hanno fatta.

Tre previsioni, allora. Primo, Leonardo Patacconi, erede del fondatore Stefano, non seguirà i destini di Condor, come il sig. Roci non ha seguito quelli di Settemari. E come Nardo Filippetti, peraltro appena rieletto con maggioranza bulgara alla presidenza Astoi lascerà Eden ai comandi del nuovo proprietario. Il passato è passato: chi ci mette i soldi raramente si fida del modello di management che a chi vende ha permesso di restare sul mercato fino a farsi comprare (e magari salvare la pelle).

Secondo, saranno sempre più diffuse “operazioni in sinergia” tra operatori, come quelle avviate da Veratour. Con Alpitour ed Eden, addirittura due: a Cuba, con Cayo Largo, villaggio in coabitazione tra i tre marchi; sull’Oman, col charter invernale gestito da Neos e venduto da Alpitour/Eden/Veratour. I t.o. diminuiscono, i voli costano, i prodotti richiesti - alla fin fine - son sempre quelli, ma soprattutto non ci sono più i numeri per rischiare da soli su una nuova destinazione. Le operazioni “in coabitazione” non potranno che aumentare e non è detto che questo piaccia al mercato (inteso come agenzie di viaggi, più che come consumer).

Terzo, si va verso l’oligopolio: pochi attori, talvolta molti meno di qualche anno fa, si spartiscono il mercato. E vale su tutta la filiera. Nella crocieristica, ai competitor di Costa ed MSC rimangono le briciole. Nella charteristica, sparita Meridiana e visto che di Alitalia è meglio non parlare, rimangono solo Neos e, arrancante, la Blue Panorama targata Uvet. Delle reti ho abbondantemente scritto: sono in 5 o 6 a comandare, e non è detto che diminuiscano ancora. Nel tour operating, la tendenza è inarrestabile: oggi sul gradino più basso del podio c’è un t.o. che ha fatto del servizio su misura la sua cifra, quindi non è comprabile. Il resto, tutto il resto è noia, direbbe Franco Califano.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori